L'inverno e l'elemento acqua secondo la dietetica cinese

Blog

Un antico testo cinese (Huangdi neijing, cap.2) riassume gli aspetti fondamentali che per la medicina cinese sono legati all’elemente Acqua, al sistema Rene e alla stagione invernale: “Durante i mesi d’inverno tutte le cose nella natura si ritirano, si nascondono, ritornano a casa e iniziano un periodo di riposo, così come i laghi e i fiumi gelano e la neve cade. Questo è un periodo di dominanza dello yin sullo yang. Per questo non si dovrebbe consumare troppo l’energia yang.acqua
Vai a letto presto e alzati con lo spuntar del sole, che durante l’inverno avviene più tardi. Desideri e attività mentale dovrebbero essere tenuti calmi e sottomessi. I desideri sessuali in particolar modo dovrebbero essere contenuti, come se si mantenesse un segreto felice. Tieniti caldo, evita il freddo e mantieni i pori chiusi. Evita di sudare. La filosofia dell’inverno è di conservazione e accumulo. Senza questo tipo di pratica il risultato sarà una lesione dell’energia del Rene”
shui_acquaL’Acqua è il simbolo dell’energia dell’inverno, della notte, del riposo; è l’energia ancestrale da cui dipende la nostra costituzione ed ha sede nei reni, collegati alle ossa e alle articolazioni. Con lo stile di vita dei nostri tempi, tutto orientato verso l’azione esterna, l’energia dell’Acqua è spesso svilita e maltrattata, e finisce con l’esaurirsi prima del tempo. Il sapore collegato al movimento Acqua è il salato che è un sapore yin che muove l’energia verso il basso e verso l’interno, nella giusta quantità umidifica il secco, ammorbidisce le masse dure, stimola l’appetito e migliora la digestione. la stagione fredda è il momento d’oro delle zuppe, dei brodi, degli stufati, dei brasati, insomma di tutte le cotture che impiegano tempo, richiedono acqua e usano tanto il fuoco che è l’elemento essenziale della cucina di questo periodo. Tanti sono gli alimenti che sostengono le funzioni del Rene, i legumi e in particolare quelli di colore nero; i semi e in particolare le noci e le castagne; i cereali come il miglio e la quinoa; i pesci come i crostacei, le seppie, la trota; le carni come il cervo, i reni di animali e piccione; le spezie come la cannella.